Telegram 2019 audience: risultati di studio 82.000 profili

Il team di progetto TGStat (Telegram Analytics) ha pubblicato i risultati di un nuovo studio del pubblico di Telegram in Russia:

  • Il sondaggio è stato inserito in oltre 850 canali.
  • Per 2 settimane sono stati raccolti 82 mila questionari.
  • I post che richiedono partecipazione hanno ricevuto 2,5 milioni di impressioni.

In precedenza, uno studio simile è stato condotto solo nel 2017, prima del blocco del messaggero nella Federazione Russa. E poi i questionari sono stati raccolti quattro volte di meno.

Brevemente sulla cosa principale

Pubblichiamo lo squeeze per coloro che stanno avanzando o stanno pianificando di avanzare nel messenger: creare e sviluppare canali, pubblicizzare risorse di terze parti. Tali sondaggi sono l'unica opportunità per saperne di più sul pubblico di Telegram, per capire meglio i suoi interessi e comportamenti, per fare un ritratto del lettore / cliente.

geografia

L'indagine ha coinvolto il 72% degli utenti dalla Russia, il 16% dall'Ucraina, il 4% dalla Bielorussia, il 2% dall'Uzbekistan. Il restante 5% è distribuito in 85 paesi (Moldavia, Israele, USA e altri).

La penetrazione del messaggero nelle regioni della Federazione Russa è piuttosto debole. I leader sono Mosca e San Pietroburgo, seguiti dai principali milioni e più città: Ekaterinburg, Novosibirsk, Kazan e altri.

Genere ed età

Ci sono più uomini che donne: il 67% contro il 33%. Le previsioni secondo cui la distribuzione delle azioni sarà approssimativamente uguale nel 2019 non si sono avverate.

Il pubblico all'età di 18-34 anni domina, ma rispetto allo studio precedente, ci sono più utenti 35-64. Cioè, il messaggero copre nuove fasce di età, non rimane puramente giovanile.

Portata e reddito

Geeks e marketers non sono più il pubblico dominante di Telegrams, come lo era qualche anno fa, anche se in generale ce ne sono ancora molti. Approssimativamente, ogni quarto utente è impegnato nell'IT e ogni decimo nel marketing e nelle pubbliche relazioni.

Parere che in Telegram il più anche il pubblico dei solventi sta lentamente diventando un mito. Più di 150.000 ricevono solo il 12% degli intervistati. L'8,3% degli intervistati generalmente guadagna fino a 15 mila rubli al mese. Circa uno su cinque è disoccupato, cioè non un libero professionista e non un imprenditore.

Dati sul reddito e sull'occupazione

Gli autori dello studio notano anche che la relazione tra uno o l'altro segmento dipende dal soggetto dei canali. Ad esempio, su IT, finanza e startup si legge più utenti con un reddito di 150k o superiore. E sui canali di core business, la quota di imprenditori può raggiungere il 20%.

Canali e chat

Quasi un terzo legge meno di dieci canali, sebbene nel Telegram in lingua russa ci siano più di 87 mila. Quindi le colture, quando un canale è pubblicizzato in altri, hanno ancora un potenziale.

L'80% degli intervistati ha letto notizie e più della metà di canali di intrattenimento e di formazione, ogni terzo iscritto ai blog degli autori. Il 25% degli intervistati segue i canali degli amici e il 18% si siede in chat di lavoro private (tra l'altro, per il bene di amici e colleghi, molti diventano il nuovo pubblico di Telegram).

Spinge e pubblicità

Solo il 7% degli intervistati non "silenzia" i canali (molto probabilmente, quelli che si iscrivono a 1-5) e la maggior parte degli utenti spegne tutte le notifiche. Quindi ricorda: il nuovo post non può essere letto immediatamente, ma entro 1-2 giorni.

Il 40% degli intervistati raramente vede la pubblicità in Telegram molto raramente, e ogni decimo non l'ha mai visto affatto. E questo nonostante il fatto che ci siano posti pagati in quasi tutti i canali, e molti di questi sono generalmente creati solo per guadagnare soldi dalla pubblicità. Risulta che la promozione in Telegram è ancora promettente, se non altro perché il pubblico nel suo insieme non è "bruciato" dalla pubblicità, come può essere su altre piattaforme.

Scopo e ragioni d'uso

Più di un quarto degli intervistati utilizza Telegram per la corrispondenza di lavoro. I robot di Telegram non sono meno, ma non più popolari: sono usati dal 42%, che quasi coincide con i risultati del 2017. Il 18% degli intervistati ha i propri canali.

Il 70% degli utenti è attratto dal formato del canale telegramma stesso - a loro piace più dei gruppi in FB e VK. Per il 43% del pubblico "Telegram" è il principale messaggero per la comunicazione. Circa un quarto lo usa per scaricare musica, film, libri.

Circa la metà sceglie Telegram anche perché è sicuro. Ogni terzo è diventato un utente del messenger a causa della politica di altri social network per l'emissione di dati personali.

A proposito, quasi il 50% del pubblico di Telegram non aggira il blocco, perché tutto funziona. Un quarto solo a volte utilizza un proxy o una VPN da bypassare. Una buona accessibilità e performance sono un altro argomento a favore dell'uso del messenger come canale di marketing nello sviluppo di una strategia digitale.

Guarda il video: Neil Patrick Harris Steals the Show from James Corden (Aprile 2020).

Loading...

Lascia Il Tuo Commento